Nuove notifiche

Questo sito e' protetto con
Norton Safe Web



La mappa del forum
Ultimi utenti connessi

Vedi altro
Ultime registrazioni

Aggiornamenti

chi e’ connesso

chi e' in linea
Ora sei connesso
Messaggi:
2

scambio banner

[web] Gli attacchi via email continuano ad aumentare Banner16

Ultime mondo forum

Parole chiave


[web] Gli attacchi via email continuano ad aumentare

 Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso Messaggio [Pagina 1 di 1]        Argomento  
il Corvo
il Corvo
Adminforum
Adminforum

Web  Titolo: [web] Gli attacchi via email continuano ad aumentare

Messaggio Da il Corvo il Ven 28 Giu 2019, 4:35 pm


Gli attacchi via email continuano 

Il report di FireEye fotografa la tendenza del cyber-crimine. In aumento il phishing, l’uso di link “sicuri” e di servizi cloud di condivisione dei file.Anche a distanza di anni, la posta elettronica è uno dei vettori di attacco più usati dai pirati informatici. A confermarlo è la nuova ricerca di FireEye, che nel suo Email Threat Report relativo al primo trimestre 2019 delinea le tendenze sulla base dell’analisi di 1.3 miliardi di email.Il primo dato che emerge dall’analisi, che conferma una tendenza rilevata nel corso degli ultimi anni, è quello dell’utilizzo del phishing come tecnica di attacco preferita da parte dei cyber-criminali. In termini numerici, l’incremento dell’uso di questa tecnica è del 17%.La tendenza è quella di prendere di mira popolari servizi Internet, con l’obiettivo di rubare le credenziali delle potenziali vittime. Tra i servizi più gettonati ci sono quelli Microsoft, con circa il 30% di tutti i rilevamenti, seguita da OneDrive, Apple, PayPal e Amazon.A segnare un aumento considerevole (+26%) è anche l’uso del protocollo HTTPS per gli attacchi basati sull’uso di url malevole. Qui la logica fa leva sul falso senso di sicurezza collegato al fatto che i collegamenti utilizzano un protocollo “sicuro”.Tra le novità c’è l’utilizzo di piattaforme cloud per il file sharing utilizzate per distribuire malware. I pirati utilizzano servizi noti come WeTransfer, Google Drive e OneDrive. Il primato in questo settore è però di Dropbox, considerato da molti come uno strumento “normale” per condividere file e documenti.


    La data/ora di oggi è Sab 29 Feb 2020, 12:18 pm

    Navigazione veloce